Passa ai contenuti principali

Post

IL SABATO DEL VILLAGGIO DI MACERATA, DOVE LA PAURA NON E' PASSATA

QUELLE ANALOGIE TRA "UNA VITA IN VACANZA" E "LAMEZIA MILANO"

LA NOTTE MI CHIEDE

Sono tornato in crisi. Ci ho messo un po' di più, perché i giorni scorsi avevo da fare, ma a febbraio prima o poi l'apnea mi raggiunge. Come da ragazzo. Come ogni febbraio. Allora cullo nel vortice due o tre canzoni, non dirò quali, italiane, lontane, sempre le stesse che mi riportano quello che ho perso. La felicità quando non la conoscevo, non sapevo esistesse e non mi ponevo il problema di provarla. La felicità era la vita stessa ed era anche soffrire. È là dove correvo, quello che mi scorre davanti e indietro quando torno, ed io, ogni volta, il naso schiacciato contro il finestrino del treno. Come volessi rubarmi un'immagine che è sempre la stessa, dura un attimo, e ogni volta sanguina di più. È quella che mi viene addosso la notte, quando mi sento più inutile, e penso che forse c'è rimasto ancora troppo tempo per resistere, ma troppo poco per sentirmi vivo. Non piacerò mai più a nessuno, men che meno a me stesso, cadrò sempre più a pezzi, starò sempre peggio di co…

PERCORRENDO VITE

io sono un fantasma ma sarò anche la mia verità. l'unica.


DOMENICA, 18 FEBBRAIO TEATRO NUOVO DI CAPODARCO ORE 21

ALLA FACCIA DI CHI CI VUOLE MALE

Sono tornato quasi vivo dal maelstrom. Acciaccato, perché Sanremo è così, ma, tutto sommato, tonico. Anzi rehabilitato, visto che uso questa settimana per depurarmi: dieta di Maria Antonietta, a base di cappuccini e brioches, acqua minerale a ettolitri, nessuna sigaretta, niente additivi. E tanto, tanto cammino: il mio alloggio stava a quasi 2 chilometri, in salita, andare su e giù più volte al giorno, e soprattutto di notte, richiede una cospicua dotazione di biancheria di ricambio, ma rende simili a Rocky quando doveva sfidare Ti spiezzo in due. Anche perché ho avuto in sorte una sistemazione amichevole, ma, inopinatamente, del tutto priva di riscaldamento e acqua calda. Profumavo di uomo, insomma.  “Ti trovo bene”, m'han detto al ritorno, in diversi. Come no, ho un sistema infallibile, però non è per tutti, si basa su un percorso a ostacoli. Per dirne uno solo, ieri il treno (12 ore di viaggio in totale) è partito da Sanremo con 25 minuti di ordinario ritardo, avevo la coincide…

SANREMO 2018, LE PAGELLE FINALI DEL FESTIVAL

SANREMO, ADDII E BILANCI DELL'EDIZIONE 2018